07
Febbraio
2012

Per la prima volta in X commissione è convocato inretecar consorzio nazionale carrozzieri

Categoria: Blog Inretecar

COMUNICATO STAMPA
                                                          

              PER LA PRIMA VOLTA IN X COMMISSIONE E' CONVOCATO INRETECAR CONSORZIO NAZIONALE CARROZZIERI

InRetecar Consorzio nazionale carrozzieri indipendenti è stato ricevuto in audizione il 7 febbraio dalla X Commissione Commercio Industria al Senato.
Il presidente On. Cesare Cursi  e i Senatori  presenti hanno ascoltato con interesse la relazione letta dal presidente InRetecar Fernando Miliucci.

Il punto principale analizzato ha toccato l'art 29  comma 2 del DDL n. 3110 quello che  da alle assicurazionila la facoltà di offrire ai danneggiati,in adempimento dell'obbligo
risarcitorio,il risarcimento in forma specifica (100%)presso un proprio riparatore convenzionato, in alternativa  un' offerta  decurtata del 30% qualora  il cliente decidesse di far riparare il veicolo presso un riparatore di sua fiducia .Dopo un' analisi delle conseguenze   disastrose che colpirebbero il mercato della piccola impresa di carrozzeria,  se tale norma fosse approvata , chiusura di circa 7000 aziende, perdita  di oltre  35.000 posti di  lavoro , è stata posta l'attenzione sull'anticostituzionalità della norma in primis e ancor piu' grave sulla "scelta obbligata" del cliente verso il carrozziere fiduciario della compagnia di assicurazione.
sulAmmesso e non concesso che un automobilista possa essere  risarcito solo al 70% del danno a cose,Inretecar ha posto sul tavolo la realtà della mancanza di un organismo super partes che individui i parametri della quantificazione del danno sui quali eventualmente si baserebbe la decurtazione del 30 %  
 
InRetecar ha chiesto l'abrogazione in toto dell'art 29 comma 1 e 2 .
E' stato evidenziato come l'introduzione del sistema risarcitorio dell'indennizzo diretto abbia sortito risultati negativi ,visto che non sono arrivate le  tanto auspicate riduzioni  del 10-15% delle polizze RCAuto, risultati tra l'altro previsti da illustri rappresentati dell'ANIA stessa come il Prof. Galli e Alfonso Desiata.

E' stato importante per InRetecar fare la  proposta che sia  riaffermata la facoltatività dell'indennizzo diretto anche se già la sentenza 180/09 ne ha esculso la valenza di esclusività insieme ad altre ordinanze della Suprema Corte.
 
Argomento centrale comunque è stata  la libertà del cliente di scegliere il proprio autoriparatore di fiducia . A tal proposito  si è fatto presente che il 2 ottobre 2011 in Francia il legislatore abbia rafforzato i diritti ,la protezione e la trasparente informazione da dare ai consumatori "......deve essere ricordato all'assicurato la sua libertà di scegliere il riparatore carrozziere per la riparazione di un veicolo danneggiato a seguito di danno coperto  danno coperto da garanzia".( vale a dire tutti i danni )  
Il presidente Fernando Miliucci ha proposto l'istituzione di un tavolo di confronto che veda assicuratori e carrozzieri insieme affinchè in breve tempo si possano individuare azione positive che limitino i fenomeni fraudolenti ,
consapevoli che il fenomeno frodi, oltre che ad essere  deprecato, va fortemente combattuto perchè danneggia in primis i cittadini onesti e le aziende di carrozzeria che della responsabilità etica ne fanno un principio base .
Per InRetecar il progetto che accomuna tutti i soci è l'ormai noto progetto S.Qu.A.Re che porta le aziende di carrozzeria ad accrescere  culturalmente , ad acquisire abilità riorganizzative per arrivare poi ad ottenere la certificazione a fine percorso  in ambito alla Sicurezza, Qualità, Ambiente e Responsabilità Etica .

E' stato evidenziato come l'art 32 comma 1 a proposto dei costi della scatola nera a carico delle compagnie , sia un  formulato  troppo generico     . InRetecar ha proposto  quindi che i costi a totale carico delle compagnie siano  diversificati in installazione, utilizzo dei servizi telematici, trasferimento del dispositivo su altro veicolo e disintalla e  che lo sconto tariffe debba prendere in considerazione in modo differenziato sia le garanzie dirette(furto) che la garanzia RCAuto.

Ci sono state richieste di chiarimento  da parte dei Senatori ,in particolare del Sen. Sangalli , alle quali prontamente si è data risposta.
La relazione  presentata da InRetecar Consorzio è stata redatta da un pull di tecnici e professionisti ai quali va un particolare ringraziamento : Avv.Alessio Ullucci,  Valter Zuliani consulente tecniche assicurative, Jean Pais carrozziere francese , Avv.Massimo Perrini, Dr Stefano Mannacio  e il presidente Fernando Miliucci.


Ufficio Stampa
InRetecar Consorzio
800-066.260

335.7162454

Commenti (0)

Lascia un commento

Please login to leave a comment. Login opzionale sotto.

Seguici su

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Area Riservata

Perchè nasce InReteCar

  • Per creare alleanze e partnerships forti
  • Per essere lo strumento che sviluppa business nelle proprie attività
  • Per usufruire di quei vantaggi che da soli sarebbe difficile ottenere
  • Per avere l'opportunità di un ricco confronto tra colleghi
  • Per vedere nei problemi delle opportunità di crescita
  • Per migliorare le proprie conoscenze e avere una visione che va oltre il locale
  • Per scrivere le regole e non subirle
  • Per mettere al centro il CLIENTE creando servizi sempre più competitivi
  • Per essere riconosciuta sul mercato come RETE NAZIONALE altamente professionale
  • Per aumentare le proprie competenze andando oltre la propria azienda

Ultimi Commenti

Inretecar Consorzio

05. Agosto, 2015 |

condividiamo con aderenti la carta di bologna

Inretecar Consorzio

18. Maggio, 2015 |

PAD 26 STAND C 134 SARA' LO STAND DELLA CARTA DI BOLOGNA . APERTO A TUTTI I PROMOTORI E SOTTOSCRITTORI LA CARTA

Download

Partners Commerciali